People's Assemblies Network

General Assembly Genoa 22nd July

| 2 Comments

United for the Alternative  //  English translation

United against Genoa 2011 crisis, united for the alternative
14 / 7 / 2011

From July 21 to 23 in Genoa, ten years later.
Friday, July 22 17.00 General Assembly
 

After the great struggles in October games from factories and universities, after the events in which women in the streets, as many did not happen long after the open gaps in Berlusconi from Milan and Naples, and especially after the extraordinary result of the referendum is began a phase of history and politics in which, paradoxically, there are many dangerous and the risks they run the “change”. This depends on objective factors which we can consider: can the “Italian Spring” does not scare the political caste that dwells in all groups, party leaders, including opposition? We believe not. Permanently open end of the period two decades Berlusconi, at the height of the neoliberal global crisis, change the contrast, exit from the crisis with a new idea of society and equality, it provides those who would like to replace the alternator with a simple change of management of public power. Someone wrote that the “Italian Spring” passes through the Val di Susa, and it is this: the fight for the common good and against the logic of financing and revenues from private interests with public money as with the “great work” TAV, devastating and unnecessary, is a fundamental issue of the alternative. How is the application of the popular will expressed in the referendum on water management in our country. Or the collective drafting of a National Energy Balance focuses on efficiency and energy saving and renewable sources to replace coal, gas and nuclear energy balance at the same time able to reduce consumption and create sustainable employment. Or mail with the issue of gender power by the initiatives of women, it is essential to consider an alternative to the system of inequality and insecurity. The “Italian Spring” also passes from the battle of democracy in the workplace, which since the last agreement signed with the Confindustria leadership of the CGIL, is under heavy attack, according to a social peace that serves to impose whatever Fiom has thwarted this year, from Plan Marchionne. The same national labor contract, in this context, comes from the historically specific features to which we had got used to: establish rights and equal pay for equal treatment of working conditions impacting directly with the devices of contemporary capitalism, which organizes the work and instead above its cost, as individualisation of the report. In the same factory “NewCo” must be worth a lot of different contracts, entered into directly by the individual, which of course does not even the right to “dissent”. But if you claimed that the National Contract Metalworkers, for example, as a general reference is to establish that under those thresholds, and wage guarantee, no one can go, would not that be a battle about social insecurity as a whole? It could be the ground on which all converge to discuss again in this country, welfare, wages and income of citizenship without contrasting them, without playing the game of those who artificially dividing “guaranteed” and “unsecured”, has always imposed in a flexible way, only and exclusively for enterprises and financial market? We believe so, as we think that the alternative is to go through a new ability to place and rethink their production processes within the ecological paradigm: the conversion of our system of production and consumption that will make us get out of a crisis without end. Now everything is likely to be filed to force by reasons of state: already meet the future rulers to engineer “national unity” which focus on the protection of banks and stock exchanges, and at the same time, the inexorable global speculative mechanism, after making out Greece, Spain and Portugal, is already working in Italy. But it is possible that there is no solution to the problems created by drainage of a Europe based on the collective wealth that serves to heal the large debts of monetary and financial agencies? It ‘possible that when we talk about “stability pact” is referred to budgets, bonds, currencies and never the quality of people’s lives? This is the time to not give up, to give new impetus to an autumn of struggle and conflict but also of taking it to the end charges of a political and cultural battle for a real alternative. We think this is the real issue on which to imagine mechanisms for wide participation and expression of collective will, which overcomes the block of the tactics and the ambiguity of who is a candidate to replace the current governing majority. Or the “new” is centered on a real alternative, or it will be even worse than what we have fought together. To discuss all of this we will be in Genoa, ten years after the extraordinary explosion of the movement of the days of July. We do not see another way of being there, in Genoa, if not to use the memory as a living thing, innervated in the struggle for change today. We do not see any other way to defend those who would like to Genoa from pacified and useless. Genoa has been a laboratory of new democracy, fiercely attacked by conservative forces in our society, which does not coincide with the “right” and “left.” The preservation of the state of things, the idea that deep down this is the only possible world, is transverse. Some people are convinced, ten years ago as it is today, that the left should only be better at doing the same things right. We’re there. We will be in Genoa, and we offer to all and all of us, because now is the time to organize. United united against the crisis and for the alternative. We will be with the spirit of Genoa within the framework of initiatives of the organizing committee, and with the intent to make a contribution and not only to assist. And the same spirit we can not, thinking about Genoa, we not look at the great struggle of the Val di Susa against the idea of militarization of dissent, the “red zones”, the violence that has killed and tortured many and Giuliani many in 2001, is still very present in our country. Here again we find an alternative, because the law of the fittest does not coincide with that of the more just.
Thanks to the commitment and support of the realities of movement and the Commonwealth of Genoa to the port of St. Benedict Don Gallo, Uniticontrolacrisi will also be a permanent space in aggregate 19 to 23 July, when the initiatives decided by the promoters of the “them crisis. We Hope “. Uniticontrolacrisi will be based at the Old Port, where spaces will be set up for the night in a sleeping bag and for holding meetings and initiatives.

FRIDAY, July 22 from 17.00 GENERAL ASSEMBLY keep the “UNITED AGAINST THE CRISIS, UNITED FOR ALTERNATIVE”, to which we invite all to participate.
Genoa is alive.

Vilma Mazza, Ada Talarico, Gianni Rinaldini, Christian Cortesi, Don Andrea Gallo, Ugo Mattei, Guido Viale, Federica Zambelli, Giuseppe De Marzo, Francesco Raparelli Loris Campetti, Luca Casarini, Picciolini Anna, Antonio Musella, Michele De Palma, Massimo Torelli Tommaso Cacciari, Michele Valentini, Domenico Chionetti, Francesco Caruso, Claudio Sanita, Don Vitaliano Della Sala, Gianmarco de Pieri, Fabian Di Berardino, Emiliano Viccaro, Simon Famularo, Alzetta Andrea, Nunzio D’Erme, Luke Cafagna, Peter Rinaldi, Beppe Hunt, Simone Armini, Codeluppi Daniel, Paul Cognin, Franz Purpura, Paul Languasco, Matt Jade, Luke Daminelli
//////////// UNITICONTROLACRISI SPACE: 21 to 23 July 2011 – GENOA – OLD PORT AREA ////////////

Thurs July 21
MEETING at 18.00 Italian Network for Environmental and Social Justice
at 21.00 the play “I do not come from the moon” by Carla and Francesco Papaleo Vitantonio

Fri July 22
at 17.00 ASSEMBLY “UNITED AGAINST THE CRISIS, UNITED FOR THE ALTERNATIVE”
at 21.00 the play “Back in Genoa” Operating Margin
Sat July 23
squares participate at 15.00 “square work” and “Square of migration” in Sanpierdarena
starting at 17.00 march behind the banner “Unite against the crisis, the alternative to U.S.”
The initiatives will be broadcast live streaming video from globalproject
(Www.globalproject.info) present with a space inside mediacenter “uniticontrolacrisi” in the Old Port and mobile direction.
For info and inquiries welcome: accoglienzagenova.controlacrisi@gmail.com

ORIGINAL ITALIAN

-Uniti contro la crisi, uniti per l’alternativa
14 / 7 / 2011

 Dal 21 al 23 luglio a Genova, dieci anni dopo.
Venerdì 22 Luglio ore 17.00 assemblea generale
 

Dopo le grandi lotte partite in ottobre da fabbriche e università, dopo le manifestazioni che hanno visto le donne in piazza, numerose come non accadeva da tempo, dopo le brecce aperte nel berlusconismo da Milano e Napoli, e soprattutto dopo lo straordinario risultato referendario, è iniziata una fase storica e politica nella quale, paradossalmente, sono molti e pericolosi i rischi che corre il “cambiamento”. Questo dipende da fattori che possiamo considerare oggettivi: può la “Primavera Italiana” non spaventare la casta della politica che alberga in tutti i gruppi dirigenti dei partiti, compresi quelli di opposizione? Crediamo di no. Aperto definitivamente il periodo terminale del ventennio berlusconiano, nel pieno della crisi neoliberista globale, il contrasto al cambiamento, all’uscita dalla crisi con una nuova idea di società e di eguaglianza, lo fornisce chi vorrebbe sostituire l’alternativa con un semplice cambio di gestione del potere pubblico. Qualcuno ha scritto che la “Primavera Italiana” passa per la Val di Susa, ed è proprio così: la lotta per i beni comuni e contro la logica del finanziamento degli interessi e delle rendite private con soldi pubblici come accade per la “grande opera” TAV, devastante ed inutile, è un nodo fondamentale dell’alternativa. Come lo è l’applicazione della volontà popolare espressa con il referendum sulla gestione dell’acqua nel nostro paese. O la stesura collettiva di un Bilancio Energetico Nazionale incentrato su efficienza e risparmio energetico e sulle fonti rinnovabili per sostituire carbone, gas e nucleare; un bilancio energetico capace allo stesso tempo di ridurre i consumi e di creare occupazione sostenibile. O ancora la questione di genere posta con forza dalle iniziative delle donne, è fondamentale per pensare ad una alternativa al sistema delle diseguaglianze e della precarietà. La “Primavera italiana” passa anche dalla battaglia sulla democrazia nei luoghi di lavoro, che a partire dall’ultimo accordo siglato con Confindustria dal gruppo dirigente della Cgil, è sotto pesante attacco, in funzione di una pacificazione sociale che serve ad imporre tutto quello che la Fiom ha contrastato in questo anno, a partire dal Piano Marchionne. Lo stesso Contratto Nazionale di Lavoro, in questo quadro, esce dalle funzioni storicamente determinate alle quali avevamo fatto l’abitudine: predisporre diritti e trattamenti salariali uguali a parità di condizioni lavorative impatta direttamente con i dispositivi del capitalismo contemporaneo, che invece organizza il lavoro e soprattutto il suo costo, a partire dall’individualizzazione del rapporto. Nella stessa fabbrica “NewCo” devono valere molti contratti diversi, stipulati direttamente dall’azienda con il singolo, che naturalmente non ha nemmeno più il diritto di “dissentire”. Ma se si affermasse che il Contratto Nazionale dei Metalmeccanici, vale ad esempio come riferimento generale per stabilire che sotto quelle soglie, salariali e di garanzia, nessuno può andare, non sarebbe questa una battaglia sociale che riguarda la precarietà nel suo complesso? Non potrebbe essere il terreno sul quale convergere tutti, per ridiscutere in questo paese di welfare, di salario e reddito di cittadinanza senza più contrapporli, senza più fare il gioco di chi, dividendoci artificiosamente in “garantiti” e “non garantiti”, ha sempre imposto la flessibilità a senso unico, solo ed unicamente in favore delle aziende e del mercato finanziario? Noi crediamo di sì, come pensiamo che l’alternativa debba passare attraverso una nuova capacità di collocare e ripensare i processi produttivi all’interno del paradigma ecologico: è la riconversione del nostro sistema di produzione e di consumo che ci farà uscire da una crisi senza fine. Ora tutto ciò rischia di essere archiviato a forza dalla ragion di Stato: già si incontrano i futuri governanti per architettare “unità nazionali” imperniate sulla salvaguardia delle banche e delle borse, e allo stesso tempo l’inesorabile meccanismo speculativo globale, dopo aver fatto fuori la Grecia, la Spagna e il Portogallo, si sta già occupando dell’Italia. Ma è possibile che non vi sia soluzione ai problemi creati da un’Europa basata sul drenaggio della ricchezza collettiva che serve a sanare i debiti delle grandi agenzie monetarie e finanziarie? E’ possibile che quando si parla di “Patti di Stabilità” ci si riferisca a bilanci, titoli, monete e mai alla qualità della vita delle persone? Questo è il momento di non mollare, di dare nuovo slancio ad un autunno di lotte e conflitti ma anche di farlo assumendo fino in fondo gli oneri di una battaglia politica e culturale per una vera alternativa. Pensiamo che questa sia la vera questione su cui immaginare dispositivi di ampia partecipazione ed espressione della volontà collettiva, che superi il blocco dei tatticismi e della ambiguità di chi si candida a sostituire l’attuale maggioranza di governo. O il “nuovo” è centrato su una vera alternativa, oppure sarà anche peggio di ciò che tutti insieme abbiamo già contrastato. Per discutere di tutto questo saremo a Genova, a dieci anni dalla straordinaria esplosione del movimento delle giornate di Luglio. Non vediamo altro modo di starci, a Genova, se non quello di usare la memoria come cosa viva, innervata nelle lotte di oggi per il cambiamento. Non vediamo altro modo di difendere Genova da chi la vorrebbe pacificata ed inutile. Genova è stata un laboratorio di nuova democrazia, attaccato ferocemente dalle forze conservatrici della nostra società, che non coincidono con la “destra” e la “sinistra”. La conservazione dello stato di cose presenti, dell’idea che in fondo questo sia l’unico mondo possibile, è trasversale. C’è chi è convinto, dieci anni fa come lo è oggi, che la sinistra debba essere solo più brava a fare le stesse cose della destra. Noi non ci stiamo. Saremo a Genova, e proponiamo a tutti e tutte di raggiungerci, perché oggi è il tempo di organizzarsi. Uniti contro la crisi e uniti per l’alternativa. Vi saremo con lo spirito di Genova: all’interno del quadro di iniziative del comitato promotore, e con l’intento di dare un contributo e non solo di assistere. E con lo stesso spirito non possiamo, pensando a Genova, non volgere lo sguardo alla grande lotta della Val di Susa: l’idea della militarizzazione contro il dissenso, delle “zone rosse”, della violenza che ha ucciso Carlo Giuliani e torturato tanti e tante nel 2001, è ancora ben presente nel nostro paese. Anche a questo dobbiamo trovare una alternativa, perché la legge del più forte non coincide con quella del più giusto.
Grazie all’impegno e al supporto delle realtà di movimento genovesi e della Comunità di San Benedetto al Porto di Don Gallo, Uniticontrolacrisi sarà anche uno spazio permanente di aggregazione dal 19 al 23 luglio, durante le iniziative decise dai promotori dell’appello “Loro la Crisi. Noi la Speranza”. Uniticontrolacrisi farà base al Porto antico, dove saranno allestiti spazi per il pernottamento in sacco a pelo e per lo svolgimento di iniziative ed assemblee. VENERDI 22 LUGLIO dalle ore 17.00 terremo l’ASSEMBLEA GENERALE “UNITI CONTRO LA CRISI, UNITI PER L’ALTERNATIVA”, a cui invitiamo tutti a partecipare.
Genova è viva.

Vilma Mazza, Ada Talarico, , Gianni Rinaldini, Cristiana Cortesi, Don Andrea Gallo, Ugo Mattei, Guido Viale, Federica Zambelli Giuseppe De Marzo, Francesco Raparelli, Loris Campetti, Luca Casarini, Anna Picciolini, Antonio Musella, Michele De Palma, Massimo Torelli, Tommaso Cacciari, Michele Valentini, Domenico Chionetti, Francesco Caruso, Claudio Sanita, Don Vitaliano Della Sala, Gianmarco De Pieri,  Fabiano Di Berardino, Emiliano Viccaro, Simone Famularo, Andrea Alzetta, Nunzio D’Erme, Luca Cafagna, Pietro Rinaldi, Beppe Caccia,  Simone Armini, Daniele Codeluppi,  Paolo Cognini, Franz Purpura, Paolo Languasco, Matteo Jade, Luca Daminelli
//////////// SPAZIO UNITICONTROLACRISI: dal 21 al 23 LUGLIO 2011 – GENOVA – AREA PORTO ANTICO////////////
GIO. 21 LUGLIO
ore 18.00 ASSEMBLEA Rete Italiana per la Giustizia Ambientale e Sociale
ore 21.00 spettacolo teatrale “Non vengo dalla luna” di Carla Vitantonio e Francesco Papaleo

VEN. 22 LUGLIO
ore 17.00 ASSEMBLEA “UNITI CONTRO LA CRISI, UNITI PER L’ALTERNATIVA”
ore 21.00 spettacolo teatrale “Tornare a Genova” di Margine Operativo
SAB. 23 LUGLIO
ore 15.00 piazze partecipate: “piazza del lavoro” e “piazza delle migrazioni” a sanpierdarena
ore 17.00 partenza corteo dietro lo striscione “Uniti contro la crisi, Uniti per l’alternativa”
Le iniziative saranno trasmesse in diretta streaming video da globalproject
( www.globalproject.info ) presente con un mediacenter all’interno dello spazio “uniticontrolacrisi” al Porto Antico e con regia mobile.
Per info e richieste accoglienza: accoglienzagenova.controlacrisi@gmail.com

2 Comments

  1. CADENA DE MENSAJES:

    Se ha propuesto en acampadavigo, y también en la lista de NLV, “escribir en todos los billetes que usemos la leyenda “Democracia real ya!!”.
    Se ha propuesto escribir la frase en Inglés (“Real Democracy Now!”)ya que en Europa hay alrededor de 500.000.000 de habitantes, y nuestros billetes giran por todo el mundo. También se ha propuesto escribirlo al estilo Twitter: #democraciarealya #spanishrevolution Todas ellas son válidas. Lo importante es hacerlo de verdad y habitualmente y no dejar que caiga en saco roto.

    Si te preocupa que no los acepten, se pueden cambiar en el banco. Los billetes de banco no se invalidan por contener escrituras, sellos tampones o marcajes. Sólo quedan inutilizados si se destruye más del 50% de la pieza.

  2. BARCELONA_ACCION:

    …. los billetes giran por todo el mundo :

    REAL DEMOCRACY NOW !!!

    DEMOCRACIA REAL YA !!!

    VOTARIA POR ITZIAR GONZALEZ !!!

Leave a Reply

Required fields are marked *.